Post Più Recenti

sabato 13 maggio 2017

VERSIONE IN ITALIANO ED IN INGLESE
DEL TESTO BASATO SULLE NOVELLE DI H.P.
"LOVECRAFT TALES"
CAPPELLA ORSINI DI ROMA

Dopo il successo della scorsa stagione torna in scena lo spettacolo firmato TeatroSenzaTempo Produzione Spettacoli Teatrali e questa volta in un EVENTO che si svolgerà, nelle domeniche da Maggio ad Ottobre 2017 (debutto domenica 14 Maggio con doppia replica in italiano) al Cappella Orsini, nella versione in italiano ed in inglese. 'LOVECRAFT TALE' è un testo basato sulle novelle di H.P. Lovecraft, adattato, drammatizzato e diretto da Mary Ferrara.

Alexander (Alessio Chiodini nella versione Italiano/Andrea Famà nella versione Inglese) si imbatte accidentalmente nella tomba di Alice (Silvia Magazzù). Da quel momento, per Alexander la sua vita non sarà più la stessa.
Il suo corpo, i suoi pensieri, subiscono dei cambiamenti. Ma la cosa più preoccupante, è la continua ossessione per la lettura del diario di Alice, una raccolta di storie fantastiche che la ragazza scriveva quando era in vita. La sorpresa di scoprire cosa è accaduto ad Alexander la riserviamo a teatro. Uno spettacolo che sicuramente susciterà qualche brivido, agli appassionati del genere e non.

Perché Lovecraft? Perché è interessante far rivivere da adulti le paure che avevamo da bambini, trasformandole in feticci (forse per sempre). Indagare il genere, oltre che apprezzarlo, mi ha dato la possibilità di pensarlo per il teatro, unendo la narrativa alla drammaturgia attraverso il filo conduttore di un soggetto, senza snaturarli entrambi. Operazione non semplice, considerando i contenuti dei racconti dello scrittore, fantastici, onirici, esploratori del mistero nelle varie forme. Il risultato è soddisfacente, ma il lavoro di costruzione, limatura, ricerca del linguaggio adatto ad una platea formata anche da chi non è conoscitore ha richiesto il trattamento del materiale come se si dovesse proiettare un film piuttosto che assistere ad uno spettacolo dal vivo. 

Non a caso ci sono 2 omaggi al cinema di Coppola e di Murnau. Per gli attori, un banco di prova, sia in lettura che per la costruzione del personaggio. Lovecraft ha scritto questi racconti nei primi anni del 900. Si utilizzavano espressioni oggi non consuete, la forma di scrittura è ripetitiva e assillante. Poi ci sono visioni che appartengono al suo immaginario e non al nostro, i personaggi portati in scena sono di fatto creature ‘mitologiche’. L’impegno degli attori è stato notevole.

Lovecraft, insieme ad Allan Poe, è considerato un esponente della letteratura horror. A differenza di Poe, Lovecraft è decisamente meno sanguinario ma più descrittivo. Aveva visioni ad occhi aperti su mondi fantastici e meravigliosi. Un esploratore del mistero e della mente, indubbiamente un precursore della fantascienza. Ascoltare stralci dei suoi racconti riporta indietro nel tempo, a quando da bambini, ci incantavamo e ci addormentavamo al suono della voce dei genitori o dei nonni. Abbiamo dimenticato quanto sia prezioso leggere ed ascoltare, presi da un quotidiano sempre più frenetico e dal cinema che ha sostituito la lettura nell’immaginario di ognuno di noi. Ascoltare una storia è un’esperienza oggi diversa, una sfida perché ci chiede di porre un’attenzione particolare a quello che si sta vedendo ed ascoltando. Sicuramente affascinante. I lettori del genere non avranno problemi ad immergersi nelle acque ossessive e fantasiose di Lovecraft. Per chi non conosce la letteratura horror, una opportunità rara di scoprire questo altro aspetto della scrittura.
LOVECRAFT TALES

BIOGRAFIA ALESSIO CHIODINI
Nasce a Roma nel 1989. Dopo essersi diplomato presso
l’Accademia di recitazione ‘Teatro Senza Tempo’, frequenta masters di dizione,
improvvisazione e acting on camera. Nel 2003, partecipa al concorso teatrale ‘Dialetti a
confronto’ organizzato dall’Accademia teatrale Silvio D’Amico, vincendo il premio
come migliore attore protagonista per aver interpretato Eduardo De Filippo in ‘Natale in casa Cupiello’. Nel 2004 partecipa allo stesso concorso per aver preso parte allo
spettacolo ‘Amore e Psiche’. Dal 2009 è impegnato in molte produzioni teatrali Teatro
Senza Tempo: Sogno di una notte di mezza estate (Regia di Tommaso Bernabeo),
Abort-Reset, La Città Dolente, Pazzo d’Amore, Hamlet, Nozze di Sangue, Yerma,
Donna Rosita Nubile (Regie di Antonio Nobili) Una volta nella vita (in tournée – Regia
di Francesco Tosti), Teatro Senza Tempo canta Roma ( Regia di Marco Simeoli), La
guerra spiegata ai poveri, Back at Freak Show (Regia di Tommaso Bernabeo),
Personnages...in cerca d’autore (Regia di Cathy Marchand) Uccelli del Paradiso (Riccardo
Merlini). Per la televisione ha avuto ruoli ne I Cesaroni III’ Life Beats, Don Matteo, La
Ladra. Nel cinema ha preso parte al corto ‘Regina’. ‘Vacanze a Cortina’ accanto a
Christian De Sica è stata la prima esperienza sul grande schermo. Presente lo scorso
anno con un cameo nel film 'MA TU DI CHE SEGNO SEI?' per la regia di Neri
Parenti. Attualmente è sul piccolo schermo nel cast di 'Un posto al sole' (nel ruolo di
Sandro Ferri). Per il teatro sarà in scena con lo spettacolo 'Piombo e Cocaina' (Regia di
Pietro De Silva), ‘Fogli di immenso silenzio’ (Regia di Antonio Nobili) e ‘Lovecraft’s
Tales’ (Regia di Mary Ferrara).

BIOGRAFIA ANDREA FAMA’
Nasce a Roma il 3 maggio 1989.
Dopo aver frequentato il liceo classico si iscrive alla Facoltà di lettere dell’università ‘La Sapienza’, dove scopre il Teatro. Affascinato dallo studio dei grandi autori lo stesso anno frequenta la scuola di recitazione “Kairos” sotto la guida di Pietro Panzieri e Fiorella Arnò. L’anno successivo entra nella compagnia stabile della scuola, dove affronta i primi ruoli importanti. Dopo aver ottenuto il diploma da attore si trasferisce a Parigi dove frequenta “L’atelier de l’acteur” diretto da Florence Nahon. Rientrato in Italia partecipa adiversi spettacoli, alternando repertorio classico e moderno, e recita in vari cortometraggi. Nel frattempo continua la sua formazione frequentando stage e workshop diretti da grandi maestri come Giovan Battista Diotaiuti, Pupi Avati, Michele Placido e Giancarlo Giannini.
In “Lovercraft’s Tales” è Alexander.

BIOGRAFIA SILVIA MAGAZZU’
Silvia Magazzù nasce a Messina nel 1989. Sin da piccola mostra un grande interesse per le arti sceniche che la spinge a frequentare un corso di recitazione dal 2000 al 2003. Trasferitasi a Roma all’età di 18 anni, si laurea col massimo dei voti in Lingue Moderne continuando a frequentare laboratori di teatro e seminari di biomeccanica dal 2007 al 2014. Trascorre diversi periodi all’estero che la portano a Washington, New York, Dublino, Londra e infine in Galles. Nel 2015 inizia a studiare presso l’accademia di arte drammatica “Teatro Senza Tempo”, dove attualmente frequenta il secondo anno. Ha studiato con diversi esponenti del teatro e della danza, tra cui Antonio Nobili, Mary Ferrara, Giulia Innocenti, Edy Angelillo, Alfredo Troiano, Sofia Bolognini, Dario Vasco Bandiera e Mattia Di Napoli. Nelle sue esperienze teatrali ha avuto modo di cimentarsi in generi diversi, dal drammatico al comico, mostrando ottime capacità di movimento e una grande versatilità nell’affrontare testi di autori tra i quali Shakespeare, Euripide, Campanile, Bergman e Beckett.

BIOGRAFIA MARY FERRARA - REGISTA
La passione per l’Arte e la Comunicazione l’hanno orientata inizialmente verso il Giornalismo, diventando critico teatrale, cinematografico e musicale. Successivamente ha ampliato la sua specializzazione nel linguaggio teatrale sotto la guida del Maestro Antonio Nobili come allieva ed assistente alla regia. Ha affrontato il palco in veste sia di attrice negli spettacoli ‘Il Canto di Danae’ (Regia di Serena De Simone), ‘Hamlet’, 'Casa di Bernarda Alba', ‘Nozze di Sangue’, 'Donna Rosita Nubile', 'La Calzolaia Prodigiosa', ‘Rocky Horror Picture Show’, ‘De Profundis’ (Regie di Antonio Nobili), ‘Personnages...in cerca d’autore (Regia di Cathy Marchand), ‘Piombo e Cocaina’ (Regia di Pietro De Silva), ‘Back At Freak Show’ (Regia di Tommaso Bernabeo), ‘Tutti al Macello’ (Regia di Antonio Cervigni), che regista di prosa (Lovecraft’s Tales, Ecabe, I Giganti della Montagna, Footloose, Musicology, RomeoFeatJuliet, Le Baccanti, Sogno di una notte di mezza estate, Club 2.7) ed opera lirica (Il Flauto Magico e Bohème nel 2012, Attila, La Traviata e Don Giovanni nel 2013, Nozze di Figaro nel 2014). Dal 2010 è Vice Presidente e docente dell’Accademia di Recitazione ‘TeatroSenzaTempo’ di Roma. Attualmente è anche Caporedattore romano e del Centro Italia per la testata online ‘Teatro.it’.

Drammaturgia, Adattamento e Regia: Mary Ferrara
Basato sulle novelle di Howard Phillips Lovecraft

Traduzione a cura di M. Ciarrapico

con:
Alessio Chiodini
Andrea Famà
Silvia Magazzù
DOMENICA dalle ore 18 alle ore 19 (replica in inglese) e dalle ore 20 alle 21 (replica in italiano)
Nelle seguenti date:
Maggio (14 doppia replica in italiano) – Giugno (il 4 doppia replica in inglese / 18) – Luglio (9/23) – Agosto (il 6 doppia in inglese) – Settembre (9/17) – Ottobre (1/il 15 doppia replica in italiano)

CAPPELLA ORSINI
Via di Grotta Pinta, 21– Roma
Prenotazione TeatroSenzaTempo: Infoline 366 4538808 - www.teatrosenzatempo.com
Assistente alla Regia: Matteo Maria Dragoni
Allestimento scenico: TsT Produzione Spettacoli
Luci: Mary Ferrara
Trucco: Virginia Menendez
Costo del biglietto: Intero € 15 – Ridotto € 10 (più tessera del teatro)

Nessun commento:

Posta un commento