Post Più Recenti

giovedì 14 febbraio 2019


RASSEGNA TEATRALE PALCO OFF
"LE MILLE BOLLE BLU"
TEATRO LIBERO DI MILANO

Dal 22 al 24 febbraio 2019
“Le mille bolle blu” sarà in scena dal 22 al 24 febbraio, presso il Teatro Libero di Milano, nell’ambito della quarta edizione della rassegna teatrale “Palco Off” dedicata ad “Attori, autori, storie di Sicilia”. Prima degli spettacoli verrà offerta al pubblico una degustazione di vini e prodotti tipici siciliani. Concluderà la serata un incontro con gli attori.

Una storia d’amore omosessuale, clandestina, nata nella Palermo degli anni Sessanta che procede, parallela ad una vita cosiddetta “normale”, per trent’anni: questo il tema del monologo “Le mille bolle blu”, tratto dall’omonimo racconto scritto dallo stesso autore e giornalista Salvatore Rizzo.

“Le mille bolle blu” narra la storia di Nardino e Manuele, barbiere di borgata il primo, avvocato di grido il secondo. Si conoscono, giovanissimi, nel salone da barba dove Nardino fa l’apprendista e Manuele è il promettente figlio di un cliente facoltoso.

mercoledì 13 febbraio 2019


"SUORE NELLA TEMPESTA" DELLA STORIA
QUANDO LA GUERRA ENTRA IN CONVENTO
CON ALESSANDRO FULLIN
TEATRO MARTINITT DI MILANO

A grande richiesta torna sul palco del Martinitt l’ironia dissacrante di Alessandro Fullin. Dopo le ampie sottane di Piccole Gonne e le vesti dantesche de La Divina, eccolo indossare per noi la tunica di una madre superiora, ai tempi della seconda Guerra Mondiale. Il bombardamento, di risate, è garantito. In scena dal 21 febbraio al 10 marzo.

A gran furore, come nel suo stile, torna a scatenare il pubblico del Martinitt l’uragano Fullin, e non poteva che portare con sé la tempesta. Quella della storia e del secondo conflitto mondiale, in particolare, cui un gruppo di suore a Torino crede di essere immune, grazie alla protezione di Santa Tecla.

LA NUOVA FAVOLA DEL TEATRO ITALIANO
CON LE CANZONI PIÙ BELLE DI PINO DANIELE
"MUSICANTI"

A FIRENZE IL 14 FEBBRAIO TUSCANY HALL


Standing ovation, applausi a scena aperta e consensi di pubblico e critica: dopo lo straordinario successo a Napoli e Bari, il tour di “MUSICANTI” prosegue nel 2019 con date nelle principali città italiane. La nuova favola del teatro italiano, storia inedita sulle immortali canzoni del “musicante on the road” per eccellenza, l’indimenticato PINO DANIELE, arriverà infatti a FIRENZE il 14 febbraio al Tuscany Hall (ex Obihall), per oltre due ore di grande musica e travolgente energia.

“Musicanti” è prodotto da Sergio De Angelis per Ingenius Srl e curato nella direzione artistica da Fabio Massimo Colasanti, al fianco di Pino Daniele dal 1997. La regia è di Bruno Oliviero.

SALA UMBERTO DI ROMA
"L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO"
DI OSCAR WILDE
REGIA DI FERDINANDO BRUNI E 
FRANCESCO FRONGIA

19 - 24 febbraio 2019
L’indagine attorno alla vita e alle opere di Oscar Wilde che Ferdinando Bruni e Francesco Frongia conducono da alcuni anni li ha portati nel 2017 ad affrontare la più famosa commedia del grande autore irlandese. Dopo Salomé, Il fantasma di Canterville e Atti osceni–I tre processi di Oscar Wilde, L’importanza di chiamarsi Ernesto ha regalato ai due registi e alla compagnia un nuovo successo.

«Questa “commedia frivola per gente seria”, col suo titolo che sfida i traduttori – che ci hanno provato con Ernesto, Franco, Onesto, Probo senza mai risultare convincenti – è l’esempio più bello di come Wilde, attraverso l’uso di un’ironia caustica e brillante, sveli la falsa coscienza di una società che mette il denaro e una rigidissima divisione in classi al centro della propria morale. Il rovesciamento paradossale del senso è l’espediente più usato dall’autore che ci appare così, a una prima lettura, come un precursore del teatro dell’assurdo, mentre in realtà è impegnato a “smontare” con sorridente ferocia i luoghi comuni su cui si fonda ogni solida società borghese.


"LO SWING  DI GORNI KRAMER"
CON LA CIVICA BAND
PICCOLO TEATRO STREHLER DI MILANO

LUNEDI’ 18 FEBBRAIO 2019, ORE 21
Fisarmonicista, direttore d’orchestra, compositore e padre della commedia musicale italiana, Gorni Kramer è stato una personalità di assoluto rilievo nella scena musicale europea e uno dei primi, grandi esponenti della scena jazzistica italiana. Strumentista di raro virtuosismo e musicista eclettico, Kramer ha ottenuto una vasta popolarità tra gli anni trenta e gli anni sessanta ed è stato autore di centinaia di canzoni di successo, ancora oggi eseguite, entrate nel paesaggio sonoro del Novecento musicale italiano. Già in altre occasioni la Civica Jazz Band ha presentato omaggi a questo grande musicista, proponendo ogni volta un programma differente e arrangiamenti nuovi.

RASSEGNA SINFONICA E CAMERISTICA
SINFONIA CICLO BEETHOVEN: CAPITOLO I
CON IL GIORNALISTA GIANLUIGI NUZZI

Martedì 19 febbraio 2019 ore 21.00

 MATTEO BELTRAMI
Diplomato in violino al Conservatorio “N. Paganini” di Genova e in Direzione d’Orchestra al Conservatorio G. Verdi di Milano, debutta a vent’anni come direttore a Genova eseguendo Il Trovatore di G. Verdi.
In oltre venti anni di carriera debutta quasi quaranta titoli operistici spaziando dal barocco a prime assolute di opere contemporanee dirigendo nella maggior parte dei teatri italiani (Teatro dell’opera di Firenze, San Carlo di Napoli, Massimo di Palermo, Carlo Felice di Genova, Filarmonico di Verona, La Fenice di Venezia, Verdi di Trieste, Regio di Parma, Valli di Reggio Emilia, Bellini di Catania, Coccia di Novara, Civico di Vercelli, Sociale di Como,

martedì 12 febbraio 2019


SNARKY PUPPY
PER IL DECENNALE DI ARENA DERTHONA
CON IL LORO NUOVO ALBUM "IMMIGRANCE"

Fa tappa a Tortona il tour mondiale della band americana Snarky Puppy per
presentare il suo nuovo album Immigrance, in uscita il prossimo venerdì 15 marzo
per l’etichettà GroundUP Music. Una delle migliori band internazionali sul palco di
Arena Derthona per iniziare nel modo migliore il decimo anno del festival.

Sarà la band americana Snarky Puppy ad aprire la decima edizione di Arena Derthona,
la rassegna musicale estiva che porta a Tortona artisti di rilievo nazionale e internazionale,
domenica 14 luglio, alle 21,30, in piazza Allende.

A distanza di tre anni dal precedente album, tornano con un nuovo progetto da
presentare in tour mondiale, Immigrance, in uscita venerdì 15 marzo per l’etichetta
GroundUP Music e fra le 5 date italiane c’è anche Tortona.

JURI CAMISASCA 
"NON CERCARTI FUORI"
PROIEZIONE DOCUFILM E LIVE ACUSTICO
TEATRO DEL BARACCANO DI BOLOGNA

Venerdì 15 febbraio alle ore 21.30,  il Teatro del Baraccano ospiterà, all’interno della stagione 2019, Juri Camisasca, artista di straordinaria sensibilità, compositore di musica sacra, iconografo, autore, ex monaco benedettino e profondo ricercatore delle dimensioni mistiche dell’essere umano.

La serata, in collaborazione con Il Lupo e il Contadino, inizierà con la proiezione del docufilm Non Cercarti fuori di Francesco Paolo Paladino, un viaggio attraverso i paesaggi siciliani situati alle pendici dell’Etna, dove Juri Camisasca vive quotidianamente il lento scorrere del tempo, il rapporto con il silenzio, con lo Spirito, con il luogo che lo ospita, con il Suono come manifestazione di qualcosa di più alto.
L’artista racconta gli aspetti salienti del suo percorso esistenziale e spirituale.

TEATRO BRANCACCIO DI ROMA
"IL LIBRO DELLA GIUNGLA"
L'ORCHESTRA SINFONICA NUOVAKLASSICA
CONCERTO PER FAMIGLIE

L’Orchestra NuovaKlassica presenta la coinvolgente favola in musica (concerto per famiglie) de Il Libro della Giungla.

Il Ritmo e l’uomo sono i veri protagonisti di questa favola. L’uomo si rende conto che il suo cuore ha un ritmo, il ritmo della vita. Quando poi il ritmo diviene la base di un racconto, di una favola, inizia la magia! Il racconto in musica prende spunto dal ritmo, apre il libro delle avventure nella giungla del cucciolo Mowgli e dei suoi amici, come dei suoi antagonisti ed inizia il viaggio. Tutto, come sempre affidato alla maestria trasformista di Angela Di Sante, impreziosita dalla scenografia multimediale di Gianpaolo Bertoncin, le musiche di G. Bruns con l'elaborazione orchestrale di Marcello Sirignano e la prestigiosa direzione d'orchestra del Maestro Carlo Stoppoloni.

"LE NOZZE DI FIGARO"
RASSEGNA OPERA
TEATRO COCCIA DI NOVARA

Venerdì 15 febbraio 2019 ore 20.30 – Turno A
Domenica 17 febbraio 2019 ore 16.00 – Turno B
L’OPERA
Composta fra l’ottobre del 1785 e l’aprile del 1786, Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart, è la prima delle tre opere scritte dal compositore salisburghese su libretto di Lorenzo da Ponte. Una collaborazione straordinaria che avrebbe prodotto altri due capolavori del teatro lirico quali Don Giovanni e Così fan tutte. Il soggetto del libretto fu tratto dalla commedia di Beaumarchais Le mariage de Figaro del 1781. Un intreccio serrato e travolgente, in cui donne e uomini si contrappongono nel corso di una "folle giornata", ricca di eventi drammatici e comici e tale da consentire l’indagine musicale delle psicologie in gioco. Una satira sulle classi sociali privilegiate dell’epoca, ma anche un’acuta metafora delle diverse fasi dell’amore. L’opera, andata in scena per la prima volta al Burgtheater di Vienna il 1º maggio 1786, è articolata in quattro atti, e narra, tra mille complicazioni, l’ardua ma vittoriosa difesa che Figaro, servitore del conte d’Almaviva, fa della propria fidanzata Susanna, insidiata dal capriccio del padrone, alla fine gabbato, deriso da tutti e costretto a consentire alle nozze dei due servi. Famoso è il monologo di portata rivoluzionaria in cui Figaro denuncia i soprusi della nobiltà.


TEATRO CARBONETTI DI BRONI (PV)
"THE GAME"
CON IL MENTALISTA  FRANCESCO TESEI

Venerdì 15 febbraio, ore 21, in scena al Teatro Carbonetti di Broni lo spettacolo THE GAME. Torna a grande richiesta il mentalista Francesco Tesei, che dopo il grande successo teatrale di MIND JUGGLER, con più di 100.000 presenze in tutti i teatro d’Italia, ci propone ora un nuovo spettacolo.

In una puntata del suo programma televisivo (Il Mentalista, in onda su Sky), durante la sfida con un campione di scacchi, Francesco Tesei commenta: “Io sono un Mentalista: non ragiono in termini di vittoria o di sconfitta. Quello che a me interessa è… il controllo”.
E’ proprio il controllo dei pensieri, delle scelte, e delle loro conseguenze sugli eventi, ad essere il focus di The Game, alla ricerca degli “incantesimi della mente” che permettono di fare accadere le cose.

Uno spettacolo di mentalismo è diverso da qualsiasi altro spettacolo di teatro: il mentalista, infatti, non si limita a recitare un testo, ma interagisce con il pubblico in una serie di “giochi” o esperimenti il cui esito è appeso a un filo molto sottile.

domenica 10 febbraio 2019


MONI OVADIA IN
"IL VIOLINISTA SUL TETTO"
LA COMMEDIA MUSICALE TRATTA 
DA UN RACCONTO DI SHOLEM ALEICHEM
TEATRO NUOVO DI MILANO

Dal 22 febbraio al 10 marzo 2019
Dopo il successo del 2003 torna al Teatro Nuovo di Milano Il Violinista sul tetto la commedia musicale tratta da un racconto di Sholem Aleichem, uno dei capolavori assoluti del teatro musicale americano. Il suo carattere di intensa e profonda umanità unitamente alle radici culturali della storia e delle musiche hanno fatto di questo spettacolo un evento tra i più rivoluzionari nel panorama teatrale degli anni sessanta, contribuendo ad aprire insieme a West Side Story, una nuova era per il musical di Broadway.

In scena nei panni del protagonista, torna Moni Ovadia che firma anche la regia.

La vicenda è tratta da una delle storie di Solomon J Rabinowitz, scrittore di origine ebraica nato a Pereyasle in Ucraina nel 1859 divenuto celebre per i racconti umoristici in lingua Yiddish scritti con lo pseudonimo di Sholom Aleichem.


TEATRO SUPERGA DI NICHELINO (TO)
"SUORE NELLA TEMPESTA"
DI E CON ALESSANDRO FULLIN

Sabato 16 febbraio 2019 ore 21.00
Dopo “Piccole Gonne” e “La Divina”, Alessandro Fullin si presenta nuovamente sul palco del Teatro Superga di Nichelino con gli attori della Compagnia NuoveForme, nell’anteprima nazionale di “Suore nella Tempesta” sabato 16 febbraio 2019.

Alessandro Fullin, poliedrico artista, attore, scultore, scrittore, è un personaggio unico in Italia, reso noto dalla televisione ma affermato attraverso un percorso originale di comicità teatrale. Triestino di nascita, bolognese di adozione (ha studiato al DAMS nei favolosi anni ’80) e torinese (attualmente) di residenza. La sua cifra comica è figlia del surrealismo e della grande ironia. Acuto e raffinato osservatore delle debolezze, delle contraddizioni e delle follie umane, nelle sue opere scritte e teatrali, Fullin pesca a piene mani dalla grande letteratura, da Wilde a D’Annunzio a Omero, con esilaranti risultati, spesso evidenti già dai titoli: “Come fidanzarsi con un uomo senza essere donna”, “Un delitto senza importanza: chi ha ucciso Oscar Wilde?”,

SECONDO SPETTACOLO DELLA TRILOGIA
RICCARDO ROSSI IN
"THAT'S LIFE"
I PREGI E I DIFETTI DELLA VITA
SALA UMBERTO DI ROMA

12-17 FEBBRAIO 2019
Che cos’è la vita? Una risposta non c’è, perché è diversa per ogni individuo.

Ma per ogni fase della vita ognuno di noi ha qualcosa in comune.

Da adolescenti seguivamo le mode e vestivamo tutti allo stesso modo, superati i 50 facciamo tutti più o meno quattro conti con esami clinici e check-up fisici vari, a 40 “è l’età migliore”, a 20 “magari averceli ancora” e così via. E a 90? “arrivarci...”

Riccardo Rossi nella sua ossessiva e maniacale “schedatura” del genere umano dopo averci raccontato con “L’amore è un gambero” pregi e difetti dell’amore (e degli uomini) torna a raccontarci, con “THAT’S LIFE” i pregi e difetti della vita (e degli uomini).

PICCOLO TEATRO STREHLER DI MILANO
"I GIGANTI DELLA MONTAGNA"
LAVIA PIRANDELLO E LA POESIA
CHE NON PUÒ' MORIRE

Dal 27 febbraio al 10 marzo 2019
Dopo Sei personaggi in cerca d’autore e L’uomo dal fiore in bocca… e non solo, Gabriele Lavia chiude la sua personale trilogia pirandelliana con I giganti della montagna, l’ultimo dei miti, testamento artistico di Luigi Pirandello e sintesi più alta di tutta la sua poetica.
La nuova produzione della Fondazione Teatro della Toscana - in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino e il Teatro Biondo di Palermo - va in scena, al Piccolo Teatro Strehler, dal 27 febbraio al 10 marzo.

Una compagnia di teatranti guidata dalla contessa Ilse arriva alla villa detta “La Scalogna”, dove vive uno strano mago che dà loro rifugio: Cotrone, che dice di essersi fatto ‘turco’ per il fallimento della poesia della cristianità.

UNO SPETTACOLO DI IMPROVVISAZIONE
TEATRALE DI GIORGIA MAZZUCATO
"SAN VALENTINO: TI ODIO"
TEATRO KEIROS DI ROMA

Sei attori, quindici possibili coppie. Tre quelle decise dal pubblico ogni sera. Tre storie di cui decidere inizio, vita, morte, miracoli, personalità, tradimenti ed eventuale fine. Chi decide? Ovviamente il pubblico. Venite in teatro per inventare i personaggi e le relazioni che desiderate vedere in azione, sedetevi in platea per distruggere o salvare le coppie a vostro gradimento. Volete creare la più bella storia d’amore mai esistita che in confronto Romeo e Giulietta erano dei fannulloni adolescenti? Volete crearla e distruggerla peggio di come abbia fatto l’iceberg con Jack e Rose in Titanic? La volete duratura come quella tra Victoria e David Beckham o fulminea come quella tra Asia Argento e Fabrizio Corona? Si amano? Non si amano? Uno dei due fa finta? C’è un terzo? A voi la scelta. A voi la freccia. San Valentino: ti odio -> dove il pubblico è Cupido.

"SE DICESSIMO LA VERITÀ"
DI GIULIA MINOLI ED EMANUELA GIORDANO
PICCOLO TEATRO STUDIO MELATO DI MILANO

Dal 27 febbraio al 3 marzo 2019
Prosegue il percorso drammaturgico di Giulia Minoli ed Emanuela Giordano, intorno al tema della legalità, in collaborazione con il Piccolo.

Se dicessimo la verità, in scena al Teatro Studio Melato, dal 27 febbraio al 3 marzo, indaga sui comportamenti collusi, racconta la forza di chi, invece, si oppone e denuncia, sottolinea l’urgenza di progettare insieme nuove forme di aggregazione e di impegno contro la pericolosa filosofia del disincanto.

Da venerdì 1 a domenica 3 marzo, intorno allo spettacolo, è in programma una ‘tre giorni’ di iniziative - musica, incontri, proiezioni - dal titolo Un’altra storia: Festival dell’impegno civile.

TEATRO DELFINO DI MILANO
"COPPIA APERTA QUASI SPALANCATA"
UN GRANDE TESTO DI DARIO FO
E FRANCA RAME ALLESTITO DAL 
TEATRO BELLI

Dal 15 al 17 febbraio ore 21.00 | domenica ore 16.00
Giunti all’undicesimo appuntamento della stagione, il Teatro Delfino è lieto di dare spazio al divertimento e alle risate del grande classico di Dario Fo e Franca Rame, COPPIA APERTA QUASI SPALANCATA, con la produzione del Teatro Belli e attori in scena di grande respiro, come Antonio Salines.

In scena la storia grottesca di due coniugi alle prese con un matrimonio che sta andando allo sfascio e che decidono di sperimentare la formula della “coppia aperta” per risolvere i problemi della loro relazione. Ma la “coppia aperta” in realtà è un’invenzione del marito per giustificare le sue infedeltà di immaturo, vanaglorioso Don Giovanni, (con comico strazio della moglie ridotta a maldestri tentativi di suicidio).

venerdì 8 febbraio 2019


"LA SIRENA DI POSILLIPO"
IN COLLABORAZIONE  CON 
BOLOGNA HARP FESTIVAL
TEATRO DEL BARACCANO DI BOLOGNA

Marco Muzzati
9 febbraio 2019
Si rinnova anche quest’anno la collaborazione con il Bologna Harp Festival: sabato 9 febbraio alle ore 21,  il Teatro del Baraccano ospiterà, all’interno della stagione 2019, La Sirena di Posillipo, uno spettacolo musicale liberamente tratto dalla vita di Adriana Basile, sorella dello scrittore Giambattista Basile e del compositore e poeta Lelio Basile, celeberrima cantante e arpista napoletana del primo Seicento, rinomata anche per la sua eccezionale bellezza.


PICCOLO TEATRO STREHLER DI MILANO
FRANCO BRANCIAROLI E' JEAN VALJEAN
"I MISERABILI"

Dal 12 al 24 febbraio 2019.
Franco Branciaroli è Jean Valjean nella messa in scena teatrale di uno dei capolavori della letteratura, I Miserabili di Victor Hugo, al Piccolo Teatro Strehler, dal 12 al 24 febbraio. Lo spettacolo, una produzione Teatro Stabile Del Friuli Venezia Giulia-CTB Centro Teatrale Bresciano-Teatro de Gli Incamminati, è diretto da Franco Però e adattato per la scena da Luca Doninelli.

«La sfida è portare in scena un romanzo immenso, 1500 pagine che appartengono alla storia non solo della letteratura, ma del genere umano», dice Luca Doninelli. «I Miserabili è veramente un fiume in piena di cui noi restituiremo un’onda o poco più», sono le parole di Franco Però.

"LA DIVINA COMMEDIA OPERA MUSICAL"
IL TOUR DANTESCO PROSEGUE
SUI PRINCIPALI PALCOSCENICI ITALIANI

In seguito al grande successo delle precedenti stagioni, che hanno registrato un pubblico di oltre un milione e mezzo di spettatori, di cui un terzo studenti, sui principali palchi tra cui l’Arena di Verona e il Grimaldi Forum di Montecarlo, prosegue, arricchita da molte novità e con una nuova veste scenica, La Divina Commedia Opera Musical, la prima opera musicale basata sull’omonimo poema di Dante Alighieri.

Lo spettacolo sarà a Milano, dal 7 al 10 marzo, al TEATRO CIAK.

La Divina Commedia Opera Musical accompagna il pubblico in un avvincente viaggio tra Inferno, Purgatorio e Paradiso, coinvolgendo gli spettatori in un continuo susseguirsi di scenografie immersive, coreografie acrobatiche, videoproiezioni animate in 3D, effetti speciali e musiche emozionanti e struggenti che prendono forma su un palco modulare automatico con sollevamento di piani, impreziosito dalla presenza di elementi scenici di forte impatto. Lo spettacolo è valorizzato dall’interpretazione esclusiva di Giancarlo Giannini come voce narrante, che rappresenta la maturità di un Dante che ricorda quando a metà della propria esistenza, spinto da una forte crisi personale, trova nella scrittura una salvezza creativa.