Post Più Recenti

giovedì 19 gennaio 2017

AL PICCOLO TEATRO DEL BARACCANO 
DI BOLOGNA
"4TH GUSTAV MAHLER"

Si inaugura il 20 gennaio con la Quarta sinfonia di Gustav Mahler nella versione per orchestra da camera, la stagione gennaio-maggio 2017 di ATTI SONORI, diretta da Giambattista Giocoli al Piccolo Teatro del Baraccano.

Questa sinfonia per voce e orchestra di Gustav Mahler è un capolavoro assoluto del primo Novecento. Composta fra il 1899 ed il 1901 (anche se il lied del quarto movimento per soprano fu scritto nel 1892), sarà eseguita in una trascrizione per orchestra da camera che, partendo da quella del 1921 di Erwin Stein (1885-1958), allievo di Arnold Schönberg, è diventata una versione del tutto originale con un’orchestrazione nuova.
A dare voce al canto degli angeli sarà Arianna Rinaldi.


La Sinfonia n. 4 in sol maggiore è quella che completa il gruppo delle tre cosiddette Wunderhornsymphonie (Sinfonie del Corno Magico), ovvero sinfonie formate da movimenti strumentali e vocali, nei quali i testi sono per lo più ispirati alla raccolta di poesie popolari tedesche di Arnim e Brentano Des Knaben Wunderhorn (Il corno magico del fanciullo), ambientate in un mondo mitico e un po’ fiabesco, infantile e contadino, un piccolo paradiso terrestre perduto. La Quarta è il suggello di quel mondo, e nel suo quarto movimento si inserisce un magnifico canto degli angeli inneggiante alla vita in paradiso.

In Das himmlische Leben (La vita celestiale), infatti viene descritta con occhi infantili come una sorta di luogo paradisiaco, nel quale si beve vino a volontà, si mangiano asparagi e fagioli, i santi sono intenti a macellare gli animali e cucinare, e persino la seria Sant'Orsola ride osservando le ragazze ballare al suono della musica eseguita da Santa Cecilia in persona e dai suoi Hofmusikanten (musicisti di corte). È una visione ironica e grottesca, nella quale si mescola una smaliziata interpretazione dei dogmi del cattolicesimo (San Giovanni che macella l'agnello, simbolo di Cristo) e la tragedia della morte per fame dei bambini, che lasciano senza rimpianti la vita terrena per essere felici in quella celeste.
Eccone alcuni versi: «Noi godiamo i piaceri del cielo, perciò fuggiamo le cose terrene. Il tumulto mondano non s’ode nel cielo! Vive ogni cosa nella quiete più soave. Noi conduciamo una vita angelica, e tuttavia siamo anche molto allegri; balliamo e saltiamo, saltelliamo e cantiamo. San Pietro in cielo ci sta a guardare, San Giovanni lascia andare l’agnellino, ed Erode, il macellaio, sta spiando...».

Orchestra del Baraccano
Federico Parravicini e Sophie Chang, violini | Aldo Maria Zangheri, viola
Enrico Ferri, violoncello | Michele Valentini, contrabbasso | Alessia Dall’Asta, flauti
Alessio Gentilini, oboe e corno inglese | Marco Ignoti, clarinetti
Luca Piovesan, fisarmonica | Alice Caradente, arpa
Simone Beneventi, marimba | Gabriele Genta e Nicolò Tomasello, percussioni

direttore Giambattista Giocoli
voce Arianna Rinaldi

Biglietto: 20€ e 15€

L'Orchestra del Baraccano nasce all'interno delle attività del Piccolo Teatro del Baraccano di Bologna, dove viene realizzato il progetto di produzione e ricerca di teatro musicale ATTI SONORI.

L'Orchestra è stata fondata nel 2013 ed è diretta dal suo direttore artistico Giambattista Giocoli. All’interno di ATTI SONORI ha prodotto vari progetti di teatro musicale sia autonomamente sia in coproduzione e collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna e la BSMT productions di Bologna.

Nel 2013 ha realizzato il musical A Little Night Music; nel 2014 Sweeney Todd di Stephen Sondheim e L'Histoire du Soldat di Igor Stravinskij. Nel 2015 All’Opera!, sinfonie, intermezzi e ouverture dell’Opera lirica italiana. Nel 2016 la 4th Gustav Mahler, la quarta sinfonia di Mahler, arrangiata per orchestra da camera.

Tra i progetti già in programma nel 2017 Popular songs con solista Cristina Zavalloni, e un nuovo Histoire du soldat con la voce recitante di Ivano Marescotti.
La vocazione dell'Orchestra è quella di specializzarsi nella produzione di teatro musicale e opera lirica da camera.

Giambattista Giocoli
Clarinettista e Direttore d'orchestra nato nel 1976, inizia gli studi di clarinetto con Vincenzo Perrone al Conservatorio di Matera, diplomandosi poi al Conservatorio di Bologna con il M° Enrico Quarenghi.

Si esibisce come solista accompagnato da orchestre, tra le quali ricordiamo l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna (concerto di Copland, 1998).

Ha effettuato registrazioni per Radio dell’Emilia- Romagna, della Lucania e per la RAI- Radio Tre nazionale, per RAISAT e su Internet, per il canale pay tv CLASSICA e per la televisione giapponese Fuji Television network. Tra le incisioni su CD ricordiamo una monografia su Giacinto Scelsi, diversi lavori del Novecento storico e prime assolute di autori contemporanei, ed un’incisione per la Deutsche Grammophon con Placido Domingo.

Ha una formazione eclettica che gli permette di esibirsi utilizzando tutti i componenti della famiglia dei clarinetti, dal piccolo in Mib al clarinetto basso, al corno di bassetto nel Requiem di Mozart, trasmesso in mondovisione e su RAI TRE italiana nel 2000.
Ha studiato con Gaspare Tirincanti, specializzandosi nel repertorio contemporaneo per clarinetti soli. Ha collaborato, come clarinetto basso, clarinetto piccolo solista e clarinetto di fila, nelle stagioni liriche e sinfoniche di diverse orchestre tra le quali ricordiamo l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna con la quale collabora regolarmente per 10 anni.

Ha collaborato con l’Ensemble di Musica Contemporanea FontanaMIX, con il quale ha condotto laboratori di musica contemporanea presso il DAMS dell’Università di Bologna, e con l’ensemble Sentieri Selvaggi di Milano, con il quale si è esibito a Belgrado ed in Uzbechistan.

Si è perfezionato a Siena presso l’Accademia Chigiana con Antony Pay e con Alessandro Carbonare all’Accademia dell’Emilia- Romagna AFOS.
Tra i Festival Internazionali più importanti a cui ha partecipato ricordiamo Bologna Festival, Nuove Consonanze di Roma, Angelica Festival, Milano Musica e il Festival Mozartiano di Rovereto.

Nel giugno del 2002 e 2006 ha effettuato una tournée in Giappone con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, diretta dai maestri Daniele Gatti e Friederich Haider.
In duo con pianoforte è premiato in diversi concorsi musicali, fra i quali ricordiamo quello di Viareggio 2003 e Festival delle Arti 2003 di Bologna.

E’ direttore artistico dell’Associazione Culturale Perséphone, di diverse rassegne musicali nel territorio bolognese e del festival di teatro musicale ATTI SONORI.
Nel 2013 debutta come direttore d'orchestra nella produzione del musical di S. Sondheim A Little Night Music, ricevendo consenso di critica e di pubblico. Nello stesso anno fonda l'Orchestra del Baraccano. Nel 2014 dirige L'Histoire du Soldat di I. Stravinsky e il musical più noto e impegnativo di Sondheim Sweeney Todd.

Nel 2015 produce il progetto su intermezzi e sinfonie d'opera All'Opera! A dicembre 2015 debutta alla guida dell'Orchestra Toscanini di Parma. Nel 2016 oltre a portare in tournée i progetti finora prodotti, debutta con il progetto della Quarta Sinfonia di Mahler e nel programma Popular songs, concerto di canzoni colte popolari con la voce di Cristina Zavalloni.

Nel 2017 tornerà a dirigere L’Historie du Soldat con la narrazione di Ivano Marescotti, e proseguirà la sua collaborazione con la Toscanini di Parma debuttando con l’Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro in una piccola tournée in Italia.

Ricordiamo inoltre che, in occasione della celebrazione dei 150 anni di rapporto e amicizia tra Italia e Giappone, è stata allestita nel foyer del Piccolo Teatro del Baraccano la mostra fotografica The Japonism dell'artista Naoya Yamaguchi: una rilettura in chiave pop dei valori distintivi della cultura giapponese.
L'esposizione potrà essere visitata fino al 30 maggio, tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13, e durante le sere di spettacolo.

Punto ristoro aperto dalle 20.30

Info
Piccolo Teatro del Baraccano dal lun. a ven. dalle 10 alle 13.
mail: info@attisonori.it
tel: 393.9142636
sito: www.attisonori.it oppure sulla pagina Facebook “Atti Sonori”.

Biglietteria
Tutti i biglietti si possono acquistare
Al Piccolo Teatro del Baraccano in via del Baraccano 2 a Bologna, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Al Teatro Duse in Via Cartoleria 42 a Bologna, dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19.
c/o Bologna Welcome, P.zza Maggiore 1/E, tel. 051.231454 e nei punti vendita convenzionati vivaticket.
On line sul sito www.vivaticket.it.
Tutte le sere di spettacolo.

Direzione organizzativa
Nella Belfiore
presidente@attisonori.it
ph. 3475080913

La stagione del Piccolo Teatro del Baraccano si svolge col sostegno della Regione Emilia Romagna, del Comune di Bologna - Cultura e in collaborazione con il Quartiere Santo Stefano.

ATTI SONORI nasce nel 2005 come festival di teatro musicale presso il Teatro Arena Del Sole di Bologna. Il festival si è caratterizzato per la produzione di spettacoli all'insegna della trasversalità dei linguaggi, unendo musica colta e altre forme d’arte: accostamenti nati da collaborazioni con soggetti ed artisti che condividevano il fascino dell'interazione tra diverse forme espressive.
Successivamente il festival si è sviluppato in vari teatri della città di Bologna e Provincia, trovando casa nel 2010 al Piccolo Teatro del Baraccano con una programmazione annuale, che prevede anche una sezione estiva nel mese di agosto.

Direttore artistico Giambattista Giocoli
Direzione organizzativa Nella Belfiore
Direzione tecnica Antonio Di Virgilio
Archivio foto e web Paola Perrone
Ufficio stampa Laura Pernice
Assistenza tecnica Andrea Biasco, Paolo Falasca, Nico Carrieri

Collaborazione Elena Nuvolone, Caterina Pio, Luca Sebastiano Scelfo, Serena Diodati

Nessun commento:

Posta un commento