Post Più Recenti

martedì 13 febbraio 2018


"LA PIÙ' GRANDE SFIDA PER ME
SARA' RINNOVARE IL MIO MERCUZIO!"
LUCA GIACOMELLI FERRARINI
SI PREPARA A VESTIRE DI NUOVO
I PANNI DEL FOLLE EROE

Sono davvero felice di poter ridare voce e vita a questo personaggio così complesso e tormentato, affrontandolo nuovamente a cinque anni di distanza dal debutto del 2013 all'Arena di Verona” dichiara Luca Giacomelli Ferrarini alla nostra pagina di ArteLiveAndSound  La sfida più grande per me sarà rinnovare il mio Mercuzio con una meticolosa ricerca interiore che porterà in superficie il lato più vulnerabile e sensibile di questo ragazzo eternamente innamorato della vita, mantenendo però quel carattere forte ed estroso che lo ha delineato dall'inizio di questa avventura”.

Carico di nuovi stimoli e più energico che mai, Luca Giacomelli Ferrarini torna ad interpretare “Mercuzio” nella nuova tournée di “Romeo e Giulietta, Ama e Cambia il Mondo” il musical diretto da Giuliano Peparini e prodotto da David e Clemente Zard. Lo spettacolo si prepara a debuttare a Milano il giorno di San Valentino con una versione rinnovata ed attesissima, dopo lo straordinario successo del primo allestimento del 2013 visto da oltre 850.000 spettatori.


Nel 2015 l’artista riceve il “Premio Sandro Massimini”, riconoscimento rivolto ai giovani attori del teatro musicale italiano con particolari doti di talento nel canto, ballo e recitazione, grazie alla “grande personalità espressa nel  dar vita a Mercuzio, personaggio difficile, complesso e dalle mille sfaccettature che Giacomelli Ferrarini rende con straordinario acume e capacità interpretativa”.
Luca dedicherà questo Premio “a due persone eccezionali: i miei genitori”.

Proprio durante una replica del musical “Romeo e Giulietta”  viene notato da Renato Zero che decide di proporgli una collaborazione per le sue due tournée “Alt in tour” (2016/2017) e “Zerovskij, Solo per Amore” (2017).

LUCA GIACOMELLI FERRARINI - BIOGRAFIA
Nato a Villafranca di Verona nel 1983, figlio del soprano Alida Ferrarini dalla quale eredita la passione per il teatro e riceve le prime lezioni canto, inizia il percorso artistico a otto anni conseguendo nel 2005 il diploma in Recitazione, Dizione e Arte Scenica al Gymnasium Theatrale Fondazione G. Toniolo di Verona, diretto da Luciana Ravazzin.
Intraprende gli studi universitari laureandosi nel 2008 all’Accademia G.B. Cignaroli di Verona e successivamente all’Accademia SDM di Milano diplomandosi nel 2010. Debutta nel 2009 alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano nell'opera di Tennessee Williams, Lo Zoo di Vetro (Tom Wingfield), diretto Marco Iacomelli. Nel 2010 viene scelto da Saverio Marconi e Daniel Ezralow per Cats (Makavity/Platone) di Andrew Lloyd Webber e Happy Days, a new musical (Richie Cunningham). Nel 2012 prende parte al musical Titanic (John O’Donnell) accompagnato dalle musiche di Ennio Morricone e diretto da Federico Bellone. Nel 2013 viene scelto da Giuliano Peparini per interpretare il ruolo di Mercuzio in Romeo & Giulietta, Ama e cambia il mondo, opera di Gérard Presgurvic prodotta da David Zard che gli conseguirà il Premio Nazionale Sandro Massimini 2015. Successivamente è Beppe nella commedia noir Processo a Pinocchio, diretto da Andrea Palotto, Gabe Goodman in Next to Normal, diretto da Marco Iacomelli, Nick Piazza in Fame al Teatro Nazionale di Milano, diretto da Federico Bellone, Tony in West Side Story, il capolavoro di Leonard Bernstein al  Teatro Manzoni di Milano e Glitter nello spettacolo Alt in Tour 2016/2017 di Renato Zero. Nel dicembre 2016 ha scritto e diretto con la collaborazione di Cristian Ruiz, Follie per Alida, inaugurando il Teatro Alida Ferrarini di Villafranca di Verona. Recentemente ha debuttato all’Opera di Firenze il ruolo di Giuliano de’ Medici ne La Congiura, Firenze 1478 di Riz Ortolani, ha partecipato al tour 2017 di Renato Zero, Zerovskij, solo per amore interpretando il ruolo di N.N. e ha inaugurato la Stagione d’Opera Lirica 2017/‘18 del Teatro Carlo Felice di Genova con il ruolo di Tony, in West Side Story di Leonard Bernstein, diretto da Wayne Marshall con la regia di Federico Bellone.







Nessun commento:

Posta un commento