Post Più Recenti

sabato 18 febbraio 2017

"FLY BUTTEFLY"
RITORNA AL TEATRO VERDI
UNA METAFORA SULL'ARTE RACCONTATA
CON LA MAGIA DEL TEATRO SU NERO

Dal 18 al 25 febbraio per IF festival 2016/17 al Teatro Verdi di Milano torna Fly Butterfly, storica produzione del Teatro del Buratto (Biglietto d’Oro AGIS 1995) assente dalla scena milanese da diversi anni.

Il Teatro del Buratto ripropone questo spettacolo, ormai considerato un classico della ricerca nel teatro su nero, linguaggio che è cifra stilistica peculiare della Compagnia, anche come testimonianza della propria storia artistica, unita al segno del ricambio generazionale, con la proposta affidata a un nuovo gruppo di animatori, formato e selezionato in un percorso biennale a cura del Buratto, svolto nel Salento e finanziato attraverso uno specifico bando della Presidenza del Consiglio/ Dipartimento Gioventù.


“Fly Butterfly”, uno spettacolo di teatro su nero, con un lavoro sull’immagine che sviluppa un approfondimento delle tecniche di teatro d’animazione giapponese del Bunraku, nato per la regia di Stefano Monti (ripreso per l’occasione da Nadia Milani), su drammaturgia di Rocco D’Onghia, con la cura delle animazioni di Jolanda Cappi e Giusi Colucci, nello spazio scenico creato da Gianluca Massiotta e con le musiche di Claudio Casappa, che offrono nelle note finali un omaggio alla celebre Butterfly pucciniana.

Le metamorfosi fantastiche che si dipanano lungo lo spettacolo evocano suggestioni dove gestualità e musica hanno uno spazio fondamentale e fanno di “Fly Butterfly” un genere di teatro totale. Lo spettacolo costruito con la magie delle immagini è il racconto metaforico della piccola Butterfly, che ha la virtù di possedere un’anima bambina capace d’incantarsi.
Quando lei entra per la prima volta in un luogo magico, che altro non è se non un teatro - nel mondo o forse fuori dal mondo - ne rimane affascinata. Qui incontra i Maestri che la accompagneranno lungo un percorso simbolico, lungo la strada che dall’ignoranza oscura conduce alla luce della conoscenza.

Tante sono le dure prove che Butterfly dovrà affrontare; dovrà lavorare con ostinazione perché lei è piccola e il mistero della sua arte tanto grande. Dopo anni senza risultati Butterfly, stanca, dispera di dare compiutezza al suo sogno; ma proprio la sua stanchezza e il crollo che ne deriva, rappresentano l’ultima prova: la debolezza conduce alla forza, il fallimento alla conoscenza. E’ così che colei che credeva d’essere un piccolo bruco diventa quello che è sempre stata, una splendida farfalla che vola leggera.

Estratti dalla rassegna stampa

“Il complesso e raffinato linguaggio utilizzato in questo affascinante spettacolo coniuga, con ottimi risultati e buon equilibrio, l’animazione su nero di oggetti, tecnica nella quale la compagnia ha raggiunto altissimi livelli espressivi.”
Magda Poli, Il Corriere della Sera, 9 novembre 1994

“Interamente visivo, Fly Butterfly si spinge in là, fino a costruire una sintassi di oggetti e forme, un linguaggio per immagini che a tratti ha dell’incredibile. È vero, come dice la compagnia, che questo linguaggio è una maturazione nel proprio lavoro di ricerca anche per via di elementi nuovi (…). Ma la maturazione, soprattutto, è un’acquisita capacità manuale di giostrarsi in quella sintassi visiva, al punto da darle una forma che molto si avvicina in questo spettacolo alla pura poesia. Ed è una poesia a tratti misteriosa, a tratti emozionante.”
La Repubblica – Rodolfo Di Giammarco

“Ci sono casi in cui invece di scrivere una recensione il critico ha voglia di dare un avvertimento: attenzione, ecco uno spettacolo che non puoi perdere, che devi mostrare ai figli e consigliare agli amici. È il caso di Fly Butterfly.”
Il Giorno – Ugo Ronfani

“Uno spettacolo molto suggestivo che, però non si limita a suscitare sensazioni superficiali ma affronta un tema delicato e difficile come quello del passaggio dalla fanciullezza all’età adulta. Fly Butterfly narra il rito di iniziazione di una bambola che diventa una persona in carne e ossa. La metafora è chiara e antica, la trasformazione coincide con l’ingresso nella dimensione della maturità.”
La Notte

“Se il teatro è evocazione di una vita altra o semplicemente di un sogno, quando questo sogno riesce a materializzarsi sulla scena, prende forma un piccolo grande miracolo: Fly Butterfly, lo splendido spettacolo di teatro di figura, realizzato dalla Compagnia del Buratto.”
Leonardo Jattarelli - Il Messaggero

“Nell’aria, dentro la scatola nera del palcoscenico, sbattono le ali multicolori di una farfalla minuscola, che gli animatori muovono con mani e volti invisibili. Ma la farfalla di Fly Butterfly spettacolo “giapponese” del Teatro Verdi, ci suggerisce anche altre identità. Non si parla, infatti, solo della crisalide piccina che si farà magnifico lepidottero, ma anche dell’omonima eroina di Puccini, di cui si intende la celebre aria e, in generale, di tutti coloro che compiono nella vita un cammino di trasformazione e di conoscenza.”

Maria Grazia Gregori, L’Unità, 27 novembre 1994

FLY BUTTERFLY
da un’idea di Stefano Monti

Regia: Stefano Monti
Drammaturgia: Rocco D’Onghia
elaborazione e progettazione: Stefano Monti, Rocco D’Onghia, Jolanda Cappi, Franco Spadavecchia
ricerca musicale e composizione: Mauro Casappa
Scene e costumi: Gian Luca Massiotta
in collaborazione con Cristina Perversi
realizzati dal laboratorio del Teatro del Buratto

In scena: Maria Luisa Carrozzo, Kirby Coppola, Laura Giannoccaro, Simone Maci, Michela Marrazzo,
Valentina Piccolo
Voce recitante: Gianni Mantesi

Luci: Marco Zennaro
Direttore di produzione: Franco Spadavecchia

spettacolo inserito in Invito a Teatro

Info e prenotazioni: Teatro Verdi, Via Pastrengo 16, Milano
Tel: 02 6880038 – 02 27002476 – prenotazioni@teatrodelburatto.it
http://www.teatrodelburatto.it/teatroverdi

prezzi: 20/14/10 euro
giovedì posto unico 10€







Nessun commento:

Posta un commento