Post Più Recenti

domenica 6 dicembre 2015

JAZZ AL PICCOLO DI MILANO

Lunedì 7 dicembre 2015, alle ore 11, presso il Piccolo Teatro Strehler (largo Greppi – M2 Lanza), si apre la XVIII edizione di Jazz al Piccolo – Orchestra Senza Confini, organizzato dall'Associazione Culturale Musica Oggi in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d'Europa

 
GERSHWINIANA
RHAPSODY IN BLUE e SONGBOOK 
Con
CIVICA JAZZ BAND
solisti: Emilio Soana (tromba), Roberto Rossi (trombone), Giulio Visibelli (sassofoni e flauti),
 
Marco Vaggi (contrabbasso), Tony Arco (batteria)
e gli studenti dei Civici Corsi di Jazz di Milano
Solisti ospiti MICHELE DI TORO pianoforte

 
MARCO GOTTI clarinetto

 
ARCHI DELLA CIVICA SCUOLA DI MUSICA “C.ABBADO”

 
Direttore ENRICO INTRA
In programma: Rhapsodhy in Blue e brani dal SongBook

 
introduzione al concerto a cura di Maurizio Franco

 
Dopo l’anteprima del 30 novembre e con il consueto appuntamento della mattina di Sant'Ambrogio, riparte Jazz al Piccolo – Orchestra Senza Confini, la rassegna imperniata sulla Civica Jazz Band di Enrico Intra, formazione che riunisce i migliori studenti e i prestigiosi docenti dei Civici Corsi di Jazz di Milano (parte integrante della Civica Scuola di Musica C.Abbado). Come sempre legata a progetti speciali che le conferiscono assoluta originalità programmatica, la stagione jazz riprende con la versione originale del febbraio del 1924 della celeberrima Rapsodia di Gershwin, una delle pagine più amate dell’intero novecento musicale. Eseguita guardando all’originale organico, viene ulteriormente aperta al linguaggio jazz da una versione che contempla una ritmica decisamente più moderna e swingante dell’originale e non perde di vista le elaborazioni improvvisate della parte pianistica, del resto presenti anche nella prima esecuzione ad opera dello stesso Gershwin. Per l’occasione, l’orchestra verrà ampliata da un piccolo gruppo d’archi, presente nella partitura originale, scritta e arrangiata per l’orchestra di Paul Whiteman, proveniente dalla Civica Scuola di Musica C. Abbado, casa madre dei corsi di jazz., e da due solisti d’eccezione: Marco Gotti, clarinettista, sassofonista e compositore (leader della J.W. orchestra), spesso ospite della band di Intra, e Michele Di Toro, uno dei più completi pianisti della scena jazzistica italiana contemporanea. Eccellente interprete, improvvisatore di alto profilo, autentico virtuoso dello strumento, Di Toro è uno specialista dell’esecuzione della Rapsodia, ma anche un improvvisatore a tutto tondo che affronterà alcune pagine particolari di Gershwin, come il ragtime Rialto Ripples e il secondo Preludio, aprendole al gioco delle variazioni improvvisate.

 
Ingresso: 16 euro

 
JAZZ AL PICCOLO - ORCHESTRA SENZA CONFINI

 
XVIII EDIZIONE

 
I PROSSIMI APPUNTAMENTI

 
con la CIVICA JAZZ BAND

 
solisti: Emilio Soana (tromba), Roberto Rossi (trombone), Giulio Visibelli (sassofoni e flauti), Mario Rusca (pianoforte), Marco Vaggi o Lucio Terzano (contrabbasso), Tony Arco (batteria) e gli studenti dei Civici Corsi di Jazz di Milano

 
Direttore Musicale ENRICO INTRA

 
Direttore Artistico Maurizio Franco

 
18 Gennaio, Teatro Strehler ore 21

 
DIXIELAND e SWING

 
Solista ospite PAOLO TOMELLERI

 
e con la partecipazione della

 
BOVISA NEW ORLEANS JAZZ BAND diretta da LUCIANO INVERNIZZI

 
Direttori ENRICO INTRA e PAOLO TOMELLERI

 
15 Febbraio, Teatro Studio ore 21

 
BEBOP

 
IL JAZZ DEL DOPOGUERRA

 
Composizioni di Parker, Gillespie, Powell, Dameron, Mulligan, Tristano

 
Direttori ENRICO INTRA e LUCA MISSITI

 
7 Marzo, Teatro Strehler ore 21

 
100 SINATRA 100

 
Solista ospite GEGE’ TELESFORO

 
Direttore ENRICO INTRA

 
18 Aprile, Teatro Studio ore 21

 
SICILIAN NIGHT

 
Solisti ospiti GIOVANNI MAZZARINO, DANIELA SPALLETTA, GIOVANNI E MATTEO CUTELLO, FRANCESCO PATTI

 
Arrangiamenti di Giovanni Mazzarino

 
Fotografie di PINO NINFA

 
Direttore ENRICO INTRA

 
Per la sua XVIII edizione Orchestra Senza Confini guarda senza pregiudizi agli stili storici del jazz, omaggia la figura di Frank Sinatra nel centenario della nascita e presenta uno spaccato di una delle scene jazzistiche più attive d’Italia. Un programma come sempre originale, fuori dagli schemi, con progetti costruiti per l’occasione e affidati all’interpretazione di un orchestra che nel 2016 festeggerà i suoi vent’anni di attività artistica e formativa. Per realizzare questo incrocio di stili jazzistici e di autori e interpreti che dal jazz hanno tratto ispirazione, sono stati chiamati ad aggiungersi alla big band milanese prestigiosi ospiti, a cominciare da Gegè Telesforo, invitato proprio perché non è un cantante “alla Sinatra” e porta una personale interpretazione a questo omaggio, che vuole evitare assolutamente il ricalco. Per il Dixieland è significativa la presenza di una formazione storica del panorama musicale milanese, la Bovisa New Orleans Jazz Band guidata da Luciano Invernizzi, così come lo Swing ha in Paolo Tomelleri un figura di rilevanza internazionale. Per il Bebop sono invece previste pagine che offrono un’immagine attualizzata, oltre che più ampia e articolata, di questo fondamentale stile jazzistico. Infine, la sensazionale scena del nuovo jazz siciliano viene proposta attraverso giovani musicisti di sorprendente bravura, scelti da un raffinato pianista, arrangiatore e didatta quale Giovanni Mazzarino, in una serata completata dalle immagini scattate in Sicilia da un grande fotografo internazionale quale Pino Ninfa

Nessun commento:

Posta un commento