Post Più Recenti

martedì 27 novembre 2018


DANIELE DE MICHELE ALIAS DON PASTA
PRESENTA IL SUO FILM DOCUMENTARIO
"I VILLANI"
TEATRO CARBONETTI DI BRONI (PV)

Non ha bisogno di presentazioni...Daniele De Michele, conosciuto da anni col nome d’arte di Don Pasta... DJ, cuoco, filosofo e regista. Dopo un piccolo anticipo al simposio per la consegna del Basque Culinary Prize, con Massimo Bottura, il suo film documentario "I villani", ralizzato insieme ad Andrea Segre prodotto da Malìa con Rai Cinema, è andata la menzione speciale Federazione Italiana dei Cineclub - Il Giornale del Cibo, assegnata "all'opera che ha proposto la scena più significativa legata al cibo e all'alimentazione" nell'ambito della 75° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.
Nel film, quattro protagonisti, quattro 'villani', raccontano la loro giornata di lavoro dall'alba al tramonto. Quattro figure che rappresentano la cucina italiana rispettando le varie caratteristiche che la compongono: Nord e Sud, uomini e donne, giovani e anziane; agricoltura, pesca, allevamento, formaggi e cucina famigliare. Una sintesi di anni di studi e ricerche, condotte da Daniele, sulle tradizioni della cucina italiana, una sensibilità antropologica nel raccogliere racconti intimi di persone che conservavano un’idea di cibo come nutrimento dell’anima e come legame identitario con la propria storia. Personaggi “eroici” che difendono in modo religioso e quasi dogmatico la tradizione, ai margini di quella che è oggi la produzione standardizzata, conservatori da un lato ma pionieri dall'altro.

Difendono silenti i loro prodotti, con la loro fatica e la costanza quotidiana, non sono personaggi del passato, appartengono ad un presente reale, ma con la lucida consapevolezza della conoscenza del loro “mestiere”. Figure collocate in uno spazio/tempo umano e mai decadente, ben radicati alla terra, terra feconda se rispettata, terra con la quale hanno un continuo colloquio sincero, terra, che solo a loro risponde.

Un film che fa riflettere, che non impone e non insegna, sequenze di vita vera che ognuno di noi conserva nell'anima, recondito patrimonio sibillino ereditato nei millenni, così semplice e sincero da riuscire a destabilizzare i massimi sistemi su cui oggi viaggiano le produzioni. E' grazie a persone come quelle raccontate ne “I villani” che possiamo avere oggi un “paragone”, la commercializzazione e la produzione industriale hanno tolto l'anima ai prodotti, li hanno resi uguali per caratteristiche. Questi baluardi di sincera genuinità sono per il momento quel “paragone” che fa del loro cibo “arte”.

Da Ambasciatore del cibo italiano nel mondo qual è, Daniele De Michele, porterà I VILLANI anche in realtà internazionali: al Seattle Film Festival il 9 novembre, all’Ambasciata di Washington il 12 novembre (Istituto Italiano di Cultura, Giornata di apertura della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo) e alla 14esima edizione di Les Rencontres du Cinéma Italien a Tolosa il 9 dicembre.

Qui a Broni, per un semplice motivo: Lino Maga, il signor Barbacarlo, nel suo film è voce narrante, una voce che viene da lontano, una voce dell'anima, della terra. Daniele De Michele è felice di presentare il suo film al Teatro Carbonetti per Lino e tutti gli amici dell'Oltrepo'.

Domenica 2 dicembre ore 18. Ingresso gratuito e brindisi dopo la proiezione.
Teatro Carbonetti, via Leonardo Da Vinci 27, Broni. (tel. 0385/54691 – 366/8190785) Info www.teatrocarbonetti.it – info@teatrocarbonetti.it

Nessun commento:

Posta un commento