Post Più Recenti

martedì 10 marzo 2015

DAL 10 AL 15 MARZO 2015 "REALITY" AL TEATRO FILODRAMMATICI

Realtà, reality senza show, senza pubblico. Essere anonimi e unici. Speciali e banali. Avere il quotidiano come orizzonte. Come Janina Turek, donna polacca che per oltre cinquant’anni ha annotato minuziosamente ‘i dati’ della sua vita: quante telefonate a casa aveva ricevuto e chi aveva chiamato (38.196); dove e chi aveva incontrato per caso e salutato con un “buongiorno” (23.397); quanti appuntamenti aveva fissato (1.922); quanti regali aveva fatto, a chi e di che genere (5.817); quante volte aveva giocato a domino (19); quante volte era andata a teatro (110); quanti programmi televisivi aveva visto (70.042). 748 quaderni trovati alla sua morte nel 2000 dalla figlia ignara ed esterrefatta.

Mariusz Szczygieł, autore di uno dei più sorprendenti libri di storia degli ultimi anni, ‘Gottland’, scrive in Reality (Nottetempo editore), reportage che ci ha fatto scoprire questa storia: “Nella routine quotidiana succede sempre qualcosa. Sbrighiamo un’infinità di piccole incombenze senza aspettarci che lascino traccia nella nostra memoria, e ancor meno in quella degli altri. Le nostre azioni non vengono infatti svolte per restare nel ricordo, ma per necessità. Col tempo ogni fatica intrapresa in questo nostro quotidiano affaccendarsi viene consegnata all’ oblio. Janina Turek aveva scelto come oggetto delle sue osservazioni proprio ciò che è quotidiano, e che pertanto passa inosservato."

Daria Deflorian e Antonio Tagliarini che collaborano dal 2008, hanno dato vita a importanti progetti teatrali. Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni ha ricevuto il Premio UBU per il Teatro 2014 come Novità italiana o ricerca drammaturgica. Daria Deflorian ha, inoltre, vinto il Premio Hystrio 2013 e il Premio UBU 2012 come miglior attrice per L’origine del mondo di Lucia Calamaro e per Reality.

Reality e Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni insieme a Rewind, rzeczy/cose fanno parte della trilogia raccolta in un volume dal titolo Trilogia dell’invisibile. Rewind, rzeczy/cose e Reality, Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni (Daria Deflorian e Antonio Tagliarini - Titivillus Edizioni – 2014)

Daria Deflorian e Antonio Tagliarini hanno dato vita a un percorso artistico che guarda alla scrittura post-drammatica, con personaggi/nonpersonaggi che si materializzano sul confine tra la biografia dell’attore e finzione e che stanno in scena in una modalità che ricorda più quella della performance che della recitazione. Centrale, nella loro drammaturgia, è l’esperienza dell’opera d’arte come momento da cui scaturisce una riflessione più ampia. Così si parte dal video di “Café Müller” di Pina Bausch, da un reportage narrativo del polacco Mariusz Szczygieł sulla vita ordinaria di Janina Turek o dalla pagina di un romanzo dello scrittore greco Petros Markaris per avvitarsi in lunghe digressioni che ci parlano del nostro fare i conti con “l’invisibile”. Un invisibile odierno che ha a che vedere con quel “senso del tragico” quasi del tutto espulso dal palcoscenico della contemporaneità.  Questo volume raccoglie i tre testi delle trilogia, accompagnati dalle riflessioni di esperti del teatro come Graziano Graziani, Gerardo Guccini, Renato Palazzi, Attilio Scarpellini.

INFO E PRENOTAZIONI

ORARI SPETTACOLI
lunedì/ CHIUSURA | martedì, giovedì e sabato ore 21.00 | mercoledì e venerdì ore 19.30 | domenica ore 16.00

ORARI BIGLIETTERIA
Nei giorni di spettacolo: dalle 15.00 a inizio spettacolo | Nei giorni di riposo: dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 18.00

PREZZI
intero 20 euro | convenzionati 16 euro | under 25 13 euro | over 65 10 euro

CONTATTI BIGLIETTERIA
Via Filodrammatici, 1 - 20121 Milano - Tel. 02.36727550

biglietteria@teatrofilodrammatici.eu - www.teatrofilodrammatici.eu


Nessun commento:

Posta un commento