Post Più Recenti

giovedì 15 ottobre 2015

TANTI TITOLI INTERESSANTI PER LA STAGIONE TEATRALE DI "BORGOMANERO A TEATRO"

Mercoledì 30 Settembre 2015, nella Sala Consiliare del Comune di Borgomanero, alla presenza del Sindaco Anna Tinivella, dell’Assessore alla cultura Ignazio Stefano Zanetta, dei giornalisti e degli intervenuti, è stata presentata la stagione Borgomanero a Teatro.
Grazie alla richiesta giunta direttamente dal Sindaco della Città, Gerardo Lenza, Presidente dell’Associazione Theatre4You che gestisce il Teatro Rosmini e Marco Cerutti del Phenomenon di Fontaneto d’Agogna, hanno realizzato in rete una stagione teatrale e musicale che si svolgerà nelle due diverse location del territorio, ma che vedrà la sinergia tra le forze messe in campo.
Durante la conferenza stampa sono intervenuti in ordine Gerardo Lenza, che ha raccontato i contenuti della stagione teatrale al Rosmini; Marco Cerutti, per la programmazione del Phenomenon, Lorenzo Cominoli e Sonia Spinello, direttori artistici del Jazz Club Borgomanero, che hanno illustrato la seconda stagione jazz presente all’interno del Teatro Rosmini.

Borgomanero a teatro è un’unica stagione all’interno della quale si offrono tre abbonamenti, ciascuno dei quali presenta alcune agevolazioni per i residenti a Borgomanero.

Nello specifico il Teatro Rosmini propone una programmazione di sei spettacoli che andranno in scena da gennaio ad aprile 2016.

Processo a Pinocchio, Freezerdance Studio|15 gennaio 2016


Chimera di Lucilla Giagnoni | 19 febbraio 2016


Ti lascio perché ho finito l’ossitocina di Giulia Pont | 12 marzo 2016


Vergine Madre di Lucilla Giagnoni | 24 marzo 2016


Mi voleva Strehler di Umberto Simonetta e Maurizio Micheli con Maurizio Micheli | 5 aprile 2016


Caveman di Teo Teocoli con Maurizio Colombi | 15 aprile 2016
  • Il fuori abbonamento proposto dal Teatro Rosmini è un Focus di VADO A TEATRO! Grandi testi, società, memoria – Stagione teatrale diretta dal Teatro delle Selve al Teatro degli Scalpellini di San Maurizio D’Opaglio. La stagione agli Scalpellini è sostenuta dalla Fondazione Piemonte dal Vivo-Circuito Regionale dello Spettacolo, Regione Piemonte, MiBACT

  • In occasione dell’ospitalità del maestro della regia EUGENIO BARBA, fondatore dell’Odin Teatret in Danimarca, il Rosmini e gli Scalpellini collaboreranno per lo spettacolo AVE MARIA, che vedrà in palcoscenico l’attrice Julia Varley.

    Lo spettacolo si svolgerà Il prossimo 7 maggio 2016, con ingresso al costo di € 15.00.

    Di seguito, una breve descrizione del contenuto di ciascuno spettacolo


    PROCESSO A PINOCCHIO
    Salvatore Grillo, di professione psicoterapeuta, viene ucciso con un colpo di martello. Ci si domanda sul colpevole e Pino, accanto al corpo della vittima, sembrerebbe la risposta più ovvia. In un intreccio tra il presunto colpevole, sua moglie, l’amante e una madre impaziente, che li vede tutti presenti al momento del delitto, tutti in qualche modo legati alla vittima e all’indiziato, non resta che seguire il protagonista a ritroso, fra i meandri della sua mente e ripercorrere eventi e situazioni che sembrano imprigionarli e inchiodarli tutti alle loro stesse psicosi, attraverso un percorso di psicanalisi retto dalla vittima stessa unica depositaria di una verità che non può rivelare per “segreto professionale”. Sarà lui a guidare, dentro e fuori dalla realtà, la compagine in una seduta analitica sui generis, ai limiti del delirante, per cercare quel movente che sembra mancare, ma che rimane latente per tutto lo spettacolo!

    CHIMERA
    Da circa sei anni, con gli spettacoli “In risaia”, “Nudo su paesaggio”, “Atlante” realizzali con Bruno Macaro, Lucilla Giagnoni cerca di comprendere e raccontare le ragioni delle trasformazioni del paesaggio che la circonda, della terra dove vive: la risaia.
    È un paesaggio duro e apparentemente senza volto, dove la bellezza non è di casa. Afa, zanzare e nebbie, posso continuare a vivere in una terra che può trasformarsi con poco nell’anticamera
    dell’inferno?
    Chimera’ e la storia di una donna che, cercando di fuggire dall’inferno, ci è finita dentro: una storia molto bella, troppo, per non raccontarla.

    TI LASCIO PERCHÈ HO FINITO L’OSSITOCINA
    La fine di una storia d’amore è uno degli eventi più comuni e traumatici della vita di ognuno. Un dramma che spesso si riempie di risvolti comici, talvolta assurdi. Giulia Pont tenterà di guarire il suo mal d’amore sperimentando in maniera folle il potere terapeutico del teatro: il pubblico diventerà il suo terapeuta. Una chiacchierata spassosa e coinvolgente dove pensieri, emozioni, disastrose manovre di riavvicinamento e improbabili consigli di parenti e amici s’intrecciano. Un gioco divertente, commovente e catartico.

    VERGINE MADRE
    Sei Canti della Divina Commedia, probabilmente i più noti. Sei tappe di un pellegrinaggio nel mezzo del cammin di nostra vita: Il Viaggio (il primo canto dell’Inferno), La Donna (Francesca, il V), L’Uomo (Ulisse, il XXVI), Il Padre (Ugolino, il XXXIII), La Bambina (Piccarda, il III del Paradiso), La Madre (Vergine Madre, il XXXIII del Paradiso). E’ la commedia umana di Dante, una strada che si rivela costeggiata da figure “parentali“: quello che si compone, guarda caso, è il disegno di una famiglia. A cantare e raccontare storie è una donna. Perché più spesso sono le donne a pronunciare, senza mediazioni, il desiderio di pace.

    MI VOLEVA STREHLER
    Spettacolo cult, con più di mille repliche al suo attivo: è infatti dal 1978 che mantiene immutate la sua forza comica e satirica. Un esempio di teatro-cabaret ineguagliato, tanto nella misura (due atti di cinquanta e quaranta minuti l’uno), quanto nella composizione. Infatti lo spettacolo gioca su diversi piani mascherando, dietro un’apparente facilità, una riflessione profonda sull’arte dell’attore. La storia narra, col pretesto di un provino che un attore di cabaret deve sostenere davanti a Giorgio Strehler e che gli aprirà le porte del grande teatro, uno spaccato del teatro italiano a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta.
    Assistiamo così alla scoperta del “teatro alternativo” e all’impegno politico di ispirazione brechtiana, al racconto de “la prise de l’Odéon” ai tempi del ’68 e alle imitazioni nostrane dei grandi innovatori di quell’epoca: il Living, Grotowski, il Terzo Teatro, rese ancora più comiche dallo stridore, forse solo apparente, con la condizione reale del giovane attore narrante.
    Questa spietata perlustrazione può durare un attimo oppure un secolo ma qualsiasi sia la sua durata per l’attore e per l’autore sarà sempre eterna.

    CAVEMAN
    Uomo e donna sono così diversi?
    Maurizio Colombi e Caveman guidano lo spettatore alla scoperta delle differenze tra uomo e donna in modo ironico e divertente, mai volgare.
    Il pubblico ride, si diverte e si riconosce nelle situazioni descritte di vita quotidiana.
    Sei innamorato? Cerchi l’amore della tua vita? Sei stato lasciato? Non capisci il tuo fidanzato? Ti stai per sposare? Caveman è adatto a tutti.
    Caveman è lo spettacolo di maggior successo al mondo sul rapporto di coppia.
    Aiuterà a capire il proprio partner e ad essere più felici insieme.
    È tradotto in 15 lingue e proposto in più di 30 Paesi nel mondo.

    AVE MARIA - La Morte si sente sola.
    Trecento scalini in pochi istanti.
    Pelle di pietra sopra la mia testa

    I morti e le mosche trasparentI
    che sono?
    Ed io che conto? Forse la morte non porta via tutto.
    Questi versi del poeta italiano Antonio Verri riassumono lo spettacolo. L’attrice inglese Julia Varley evoca l’incontro e l’amicizia con l’attrice cilena María Cánepa. È la Morte a celebrare la fantasia creativa e la dedizione di Maria che seppe lasciare una traccia dopo la sua partenza.
    Attrice: Julia Varley Regia: Eugenio Barba
    Assistente alla regia: Pierangelo Pompa
    Testo: Improvvisazioni e citazioni da Gonzalo Rojas e Pablo Neruda

    COSTI PER L’ABBONAMENTO

    Pacchetto 6 spettacoli: € 110

    Biglietti singoli: da € 15.00 a € 25.00

    Promozione residenti a Borgomanero

    Abbonamento a 6 spettacoli € 90.00

    Sconto di 3.00 € sul biglietto del singolo spettacolo


    Nessun commento:

    Posta un commento