Post Più Recenti

giovedì 6 giugno 2019


TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO
SALA BAUSCH
"SEMPRE DOMENICA"
SCRITTO E DIRETTO DA CLARA COLLETTIVO

Lunedì 10, martedì 11, mercoledì 12, giovedì 13, venerdì 14 giugno 2019 ore 19.30
Sei attori, sei sedie. Non ha bisogno d’altro Controcanto Collettivo per raccontarci Sempre domenica: qualsiasi vezzo scenografico in più sarebbe di troppo. Una realtà spoglia, nella quale le speranze sembrano essersi esaurite e i colori non trovano ossigeno.

L’obiettivo della giovane compagnia, composta da ragazzi con un’età media di 25 anni, è raccontarci il mondo del lavoro: colorato di grigio, come quello che le nuove generazioni si trovano a vivere ogni giorno, visto dagli occhi di chi prova a non arrendersi all’inevitabile.
E per inevitabile non si intende la disoccupazione, bensì la rassegnazione. Ad un destino ineludibile, che ci obbliga ad accettare l’ordinario ad ogni costo, perché l’unica strada possibile è prendere quel poco che ci è offerto e fare quello per tutta la vita, tanto “lo facciamo tutti. Il mondo funziona così.”

Sempre domenica denuncia, con ironia, un mondo nel quale bisogna essere forzatamente integrati, fedeli al binario unico, in cui sognare è sempre più difficile semplicemente perché non ci viene consentito.

«Un percorso nel quale l’indagine sul tema del lavoro si è sviluppata – successivamente alla scelta e alla discussione collettiva – come una serie di creazioni autoriali dei singoli attori che durante le prove si sono “pietrificate” sulle sedie ora distribuite parallelamente alla platea, nel segno di un’organizzazione spaziale frontale e bidimensionale.

La drammaturgia è un perfetto incastro di anelli, ovvero sequenze narrative abilmente lasciate in sospeso e riprese da dove si erano interrotte, sui confini delle quali si esprime il cambio di passo e di maschera degli attori.

Il lavoro di Sancricca apre una ferita sentita da almeno un paio di generazioni. Cosa ci sentiamo ripetere da una vita? Trova un lavoro al più presto, metti su una famiglia e soffri, mordi il freno finché puoi. Per una volta il centro della questione non è tanto l’occupazione che non c’è o che sparisce a causa di licenziamenti e ristrutturazioni aziendali, qui la riflessione riguarda proprio il lavoro quando diventa un cappio, un tempo che occupa gran parte della vita con attività che non amiamo, che non permettono una libera espressione oppure che non sono il naturale proseguimento degli studi e delle passioni. È quello scontro, da sempre esistito, tra la realtà e le aspettative di vita, tra la ricerca della felicità e la necessità di accontentarsi: in mezzo c’è l’uomo in tutta la propria tragicità, chiamato a scegliere, a misurare la propria forza di volontà e di accettazione. Tutto però è stemperato da quella comicità tipica romana in cui l’ironia è una frusta che non guarda in faccia nessuno ma che allo stesso tempo lenisce l’incapacità di scegliere una lotta radicale».
Andrea Pocosgnich, teatroecritica.net

Controcanto Collettivo nasce nel 2010 per volontà e urgenza di una regista, Clara Sancricca, e di un gruppo di giovani attori.

Nel novembre del 2011 vede la luce Felici Tutti, un lavoro dedicato al tema dei confini, con il quale il gruppo approda ad un metodo di lavoro e creazione collettiva della drammaturgia. Lo spettacolo, in cui convivono l’italiano e l’esperanto, viene replicato in scuole, teatri, università, e rassegne nazionali ed internazionali.

Nel giugno del 2013 debutta NO – una giostra sui limiti dei limiti imposti, un lavoro ironico e dissacrante incentrato sul concetto di divieto, che al Roma Fringe Festival del 2014 vince il premio della critica.

L’ultima produzione del collettivo – che ha debuttato a Roma nel maggio 2016 – è Sempre Domenica, un lavoro sul lavoro, vincitore di Inbox 2017.

Controcanto è animato da Federico Cianciaruso, Fabio De Stefano, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella, Emanuele Pilonero e Clara Sancricca.

Controcanto Collettivo
scritto e diretto da Clara Sancricca
con Federico Cianciaruso, Fabio De Stefano, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella, Emanuele Pilonero

INFORMAZIONI:
Elfo Puccini, sala Bausch eccetto La nipote di Mubarak che va in scena in sala Shakespeare
con il pubblico sul palco

Teatro Elfo Puccini corso Buenos Aires 33, Milano

Orario spettacoli: ore 19.30
Biglietteria: tel. 02.0066.0606 - biglietteria@elfo.org
Prezzi: posto unico €16,50
ABBONAMENTO Nuove storie: 5 spettacoli a scelta € 55

Nessun commento:

Posta un commento