Post Più Recenti

sabato 21 marzo 2015

"TRIBUTE TO HORACE SILVER" TEATRO COCCIA NOVARA


Domenica 22 marzo 2015 ore 11.30.
Un organista in grado di coniugare un eccezionale lirismo alla forza propulsiva del suo strumento, recentemente acclamato grazie al suo lavoro firmato Verve condiviso con Fabrizio Bosso; una cantante legata tanto alla tradizione jazz quanto alle sue derive sperimentali che da sempre si misura attraverso una progettualità diversificata e originale alla ricerca di uno stile unico e personale, prima artista italiana ad essere prodotta dalla prestigiosa etichetta londinese Candid, si uniscono in questo progetto, Let’s Get to the Nitty Gritty.

Ispirandosi alla musica di Horace Silver, i due protagonisti presentano alcune delle più preziose composizioni del noto pianista recentemente scomparso, e da lì si muovono per rileggere nel caratteristico stile soulful alcuni standard e composizioni originali. Forza espressiva ed eccezionale intesa per questo duo che non lascia sentire l’assenza della sezione ritmica ma, al contrario, risulta di grande coinvolgimento.

ELISABETTA ANTONINI
Cantante e band leader, arrangiatrice e compositrice, cresciuta musicalmente fra l’Europa e gli Stati Uniti, prima cantante italiana a firmare con la prestigiosa etichetta londinese Candid, si è fatta strada attraverso un’intensa attività concertistica che l’ha portata a collaborare al fianco di Paul McCandless, Kenny Wheeler, Paolo Damiani, Vassilis Tsabropoulos, Javier Girotto. Da sempre riserva un’attenzione mirata alla composizione e all’arrangiamento rielaborando con cura alcune pagine del jazz di oggi e scrivendo brani originali.
Un’artista completa che declina la propria creatività in percorsi musicali raffinati ed originali: ne è un esempio il suo ultimo lavoro discografico, The Beat Goes On, Omaggio alla Beat Generation, di prossima uscita, un concept album condiviso con Francesco Bearzatti, Luca Mannutza, Paolino Dalla Porta, Marcello Di Leonardo, che coniuga in modo assolutamente originale il jazz alla poesia beat utilizzando con creatività e sensibilità le voci dei poeti stessi all'interno delle composizioni da lei firmate; o l’esplorazione di un jazz dal sapore cameristico con il trio “Un Minuto Dopo”, che divide con Alessandro Gwis, Gabriele Coen e il grande oboista degli Oregon Paul McCandless; o il duo Arpa&Voce “Nuance” ideato con Marcella Carboni, dove mette in luce alcune perle del jazz contemporaneo ridisegnandone i contorni, creando paesaggi sonori rarefatti, rilassati e profondamente delicati.
Si aggiunge a questa cornice già preziosa la profonda conoscenza della tradizione jazzistica mainstream che trova spazio in numerose collaborazioni, Andy Gravish, Fabrizio Bosso, Maurizio Giammarco, Luca Mannutza, Daniele Scannapieco, Max Ionata, Micheal Rosen, Greg Burk, Pietro Ciancaglini, Claudio Filippini, Nicola Angelucci e molti altri, l’Orchestra Nazionale dell’AMIT, la Big Night Jive Orchestra, la Di Lella/Quagliero Orchestra, e progetti come l’opera jazz Storie di Cronopios e Famas, la dance-opera Jazzamore, Women Next Door, il gruppo tutto al femminile ispirato alle incisioni Verve degli anni ’50, Relaxin’ with Chat Baker, il progetto pianoless dedicato al famoso trombettista cantante in cui interagisce al fianco del baritonista Marco Guidolotti; e In A New York Minute, con Maurizio Giammarco, in cui jazz tunes hard bop e contemporary vengono riproposti nei colori accesi e nelle trame raffinate di arrangiamenti dal sound rotondo e moderno.
Esibitasi in più occasioni all’estero (Grecia, Portogallo, Israele, Brasile) e in prestigiosi jazz club e teatri italiani (Teatro Morlacchi di Perugia, Teatro Sistina di Roma, Teatro Verdi di Padova), ha preso parte a rassegne e festival di rilievo, tra cui: Villa Celimontana Jazz Festival, Tel Aviv Jazz Festival, Rio Harp Festival a Rio de Janeiro, Rumori Mediterranei Roccella Jonica, Festival Internazionale di Jazz Contemporaneo alla Casa del Jazz, Nuoro Jazz, Time in Sassari, Viggiano Jazz, Rassegna Giovani Leoni alla Casa del Jazz, Sperlonga Jazz Festival, Da Donne a Donna, Rassegna I Grandi del Jazz: Istruzioni per l’uso al Teatro Sistina, Rassegna Note di Festa alla Casa del Jazz.
Attiva anche sul piano didattico, è docente presso il Conservatorio di Brescia, di Trento e di Benevento, la Saint Louis Music School di Roma (2003-2014), Musicisti Associati di Napoli, nei seminari estivi di Nuoro Jazz diretti da Paolo Fresu (2005-2013), Jazz’s Cool del Saint Louis e Tuscia in Jazz Spring e Summer (2013-2014), La Spezia Jazz (2013-2014).



ALBERTO MARSICO

Nato a Torino nel 1966, Alberto Marsico è attivo a livello professionale da circa venticinque anni come organista e tastierista. Ha collaborato con alcuni dei più grandi nomi del firmamento jazzistico mondiale come Jimmy Cobb, Bobby Durham, Kenny Burrell, Joey De Francesco, Jesse Davis e Alvin Queen. Si è esibito e ha inciso dischi in tutto il mondo: Los Angeles, San Francisco, Mosca, Sydney, Singapore, Oslo, Berlino, Madrid, Parigi, Amsterdam, Bruxelles e ha tenuto seminari in numerosi conservatori europei. Nel 2008 ha organizzato “We Love Jazz 2008“, uno dei più importanti seminari di jazz europei, invitando e coordinando insegnanti quali Benny Golson, Jimmy Cobb, Buster Williams, Joey DeFrancesco e George Cables. Il seminario ha visto la partecipazione di 104 allievi provenienti da tutto il mondo e l’intervento di complessivi 3000 spettatori ai concerti paralleli all’iniziativa.

E’ stato invitato a partecipare ad una puntata della trasmissione “Superquark”, condotta da Piero Angela, in qualità di musicista esperto dell’organo Hammond, del quale può dirsi uno dei massimi specialisti europei.

Nel 2009 è in tour con il trombettista Fabrizio Bosso ed incide il suo primo DVD con la sua band, gli Organ Logistics, ottenendo un eccellente successo di pubblico e di critica specializzata.

Nel 2010 si esibisce al fianco di Jesse Davis in numerosi concerti in Italia e inizia una collaborazione stabile con Fabrizio Bosso con il quale incide un disco interamente dedicato al Gospel, intitolato “Spiritual”.

A Novembre è in tour in Norvegia, Germania e Italia con SCENARIO Jazz the Beatles, per la presentazione del loro secondo lavoro “Let it Beatles”, uscito a maggio.

Nel 2011 presenta a Londra il nuovo lavoro di Scenario, “Let it Beatles” , in una doppia esibizione al Pizza Express con ospiti prestigiosi come Jim Mullen e Joe Cang (Ex Scritti Politti). A Marzo è in Norvegia per un tour ed una seduta di incisione con il chitarrista norvegese Frode Kiekstad e Enzo Zirilli. Durante l’estate e l’autunno è in tour in Francia, Germania, Austria, Olanda, Belgio e Croazia.










Nessun commento:

Posta un commento